Home > Teatro del casino sanremo

Teatro del casino sanremo

Teatro del casino sanremo

Una commedia ironica, intelligente, appassionante, cucita addosso a due protagonisti istrionici, esilaranti e straordinariamente affiatati. La famiglia è ancora il cardine della società e il nostro punto di riferimento assoluto? Come si stanno evolvendo le famiglie alla luce delle trasformazioni sociali, politiche ed economiche in atto? Suo marito Giulio un ineguagliabile Giampiero Ingrassia inizialmente destabilizzato da questo repentino cambiamento, troverà la forza di reagire, riscoprendo finalmente il suo ruolo di marito e di genitore per troppo tempo delegato passivamente alla moglie.

Nel racconto le due voci si avvicendano in modo commovente e allegro. Eva una creatura bizzarra e fantasiosa, romantica, vanitosa, chiacchierona sempre interessata a dare nomi agli animali, alle piante e al creato. Adamo è un uomo rude e facilmente irascibile, un solitario, innervosito dalla continua presenza di Eva, che lo segue incuriosita, parlando ininterrottamente.

Il loro incontro appare destinato al disastro. Poi Eva mangia la mela e comincia la caduta entrano nel mondo della morte, dei figli, del lavoro, della conoscenza; arrivano i figli Caino e poi Abele, esseri che Adamo per molto tempo non riconosce come umani, ma crede siano una nuova specie di animali. I due diari si susseguono fino a che i due nonostante le diversità, si rendono conto che si amano. Regia di Giampiero Solari. Luci Camilla Piccioni. Costumi Nicoletta Ceccolini. Regista Collaboratore Vittorio Borsari. Un dramma acuto e teso su sospetti e risentimenti di classe, lotta contro repressivi costumi sociali, con personaggi credibili e psicologicamente astuti, le cui parole hanno significato puntuale e mortale.

Nello spettacolo, il punto di vista dello spettatore cambierà come in un piano sequenza, con un movimento lento e continuo, attraverso la rotazione dello spazio cucina. Giampiero Solari. Scene Tommaso Ferraresi. Costumi Anna Coluccia. Luci Iuraj Saleri. Musiche Marco Zurzolo. Suono Hubert Westkemper. Dramaturg Nicoletta Robello Bracciforti. Traduzione e regia Luca Barbareschi.

Una tragedia moderna, un dilemma morale. Un uomo buono, la gogna mediatica e giudiziaria fino al colpo di scena finale. Uno psichiatra affronta una crisi professionale e morale quando rifiuta di testimoniare in tribunale a favore di un paziente accusato di avere compiuto una strage. La demolizione sociale di un individuo influisce inevitabilmente sul suo rapporto matrimoniale.

Un dramma descritto in otto scene, otto atti di confronto tra marito e moglie, con la pubblica accusa e con il proprio avvocato. Fino al colpo di scena finale. Ma qui uomo buono è definizione ironica, sarcastica. La società reclama il sacrificio di ogni integrità. Nel giugno fu chiuso con decreto del Ministero dell'Interno per via della guerra. Alla fine del la gara d'appalto vide nuovo concessionario della casa da gioco il commendator Pier Busseti. Il 29 gennaio , nel Salone delle feste si svolse la prima edizione del Festival di Sanremo presentato da Nunzio Filogamo. Ai primi di dicembre iniziava il processo ai centodiciotto croupiers e clienti coinvolti nei furti alla Casa da Gioco nel capannone del maneggio dei cavalli in zona Solaro.

Il 19 marzo il Pubblico ministero del processo del Solaro Rocco Blaiotta chiese la condanna di tutti gli imputati a pene che ammontavano complessivamente a cinquecento anni di carcere. Nonostante avesse offerto molto meno, Borletti si era aggiudicato l'asta in quanto l'offerta di Merlo aveva sforato di 20 milioni il tetto massimo stabilito, che ammontava a 20 miliardi e milioni. Nel mese di novembre la situazione precipitava e i magistrati milanesi disposero l'arresto dell'ingegner Merlo, dei componenti la commissione consiliare sull'appalto della Casa da Gioco Andreaggi e Accinelli, del sindaco Vento, degli assessori Tommasini, Ligato, Covini, Cavalli e del capogruppo della DC e assessore regionale Giovanni Parodi, mentre gli assessori Giuliano e Carella riuscirono ad evitare l'arresto.

In seguito i magistrati milanesi emisero anche un ordine di cattura a carico dell'uomo d'affari Augusto Poletti, amico intimo di Merlo, e chiesero alla Camera dei Deputati l'autorizzazione a procedere nei confronti dell'onorevole democristiano Manfredo Manfredi, che ricopriva allora la carica di sottosegretario al Tesoro, per violazione della legge sul finanziamento pubblico dei partiti.

Alla fine di dicembre, sull'onda del giustizialismo ad oltranza, venne persino arrestato il sindaco di Imperia Scajola, poi prosciolto da ogni accusa non essendo stato riscontrato nessun elemento di colpevolezza a suo carico. Alcuni mesi dopo, nel maggio , il giudice istruttore di Milano avrebbe disposto anche l'arresto del legale di Merlo, l'avvocato Aldo Ferraro, mentre il 15 gennaio dell'anno successivo sarebbe stato infine arrestato anche il conte Borletti. Nei primi mesi dell'84 Pastorella avrebbe quindi approvato il piano particolareggiato per le opere a terra di Portosole. Il 27 dicembre , infine, Sanremo venne dichiarata zona sismica dagli esperti ministeriali, che ottennero anche il risultato di bloccare definitivamente il settore edilizio, ormai in piena crisi da diversi anni dopo ilboom degli anni Cinquanta e Sessanta.

Nel settembre successivo Pippione assunse per la quarta volta la carica di sindaco, che avrebbe tenuto fino al maggio Dal maggio del '90 al luglio dello stesso anno fece quindi le funzioni di sindaco Antonio Sindoni, finché non venne eletto sindaco il democristiano Onorato Lanza, che resse l'Amministrazione Comunale per due mandati consecutivi fino all'agosto Il 13 ottobre era stato intanto inaugurata la nuova sede del Mercato dei fiori, costituita da una capiente struttura situata in Valle Armea, iniziata a costruire nel e poi definitivamente terminata nel Il 21 novembre si tenne il primo turno delle nuove elezioni amministrative che prevedevano l'elezione diretta del sindaco.

Al successivo turno di ballottaggio, svoltosi il 5 dicembre '93, Oddo prevalse di misura su Ivaldi, che era appoggiato da tutto lo schieramento di centro-sinistra. Oddo resse l'Amministrazione Civica fino all'aprile , quando, in seguito ad una crisi scoppiata all'interno del Consiglio Comunale, 17 consiglieri su 30 diedero in blocco le dimissioni, inducendo il 12 maggio successivo il presidente della Repubblica Scalfaro a sciogliere il Consiglio Comunale nominando nello stesso tempo commissario straordinario per la gestione provvisoria del Comune di Sanremo Pasquale Gioffré, al quale successe il mese dopo l'ex prefetto di Imperia Giuseppe Piccolo, assistito dal sub commissario Landolfi.

Tra le varie importanti iniziative assunte dalle amministrazioni comunali nei primi anni Novanta riveste particolare rilievo l'apertura al traffico nel dell'Aurelia bis nel tratto da Valle Armea al quartiere San Martino, che, poi prolungata fino all'Ospedale Civile nel , avrebbe costituito una valida alternativa all'Aurelia, sempre più congestionata dal traffico veicolare. Il 16 aprile si è infine tenuta una nuova tornata di consultazioni amministrative per l'elezione del sindaco e il rinnovo del Consiglio Comunale. La nuova Giunta è risultata quindi composta dai riconfermati Berrino, che ha mantenuto anche l'incarico di vicesindaco, al Bilancio e Tributi, Bissolotti al Turismo, Lanteri alle Politiche sociali e Bagnoli allo Sviluppo economico, e dai nuovi assessori Giorgio Silvano ai Lavori pubblici, Mario Ferrandini all'Urbanistica, Franco Solerio al Personale, Antonio Sindoni al Patrimonio e Servizi demografici, Carlo Alberto Nebbia Colomba alla Qualità della vita e Marco Lupi alla Difesa del suolo, Riassetto idrogeologico e Rapporti con organi del decentramento e frazioni.

Alle soglie del terzo millennio la città appariva in ripresa e guardava al futuro con ottimismo, fiduciosa nelle sue indiscusse potenzialità di centro turistico all'avanguardia in grado di affrontare in modo adeguato le impegnative sfide della nuova era tecnologica e multietnica". Viene superata la gestione commissariale che si protraeva ininterrottamente dal evidente il coinvolgimento mafioso della famiglia Santapaola, interessata alla casa da gioco più che per i guadagni, soprattutto per il riciclaggio di denaro sporco e la gestione passa ad una più trasparente società di diritto privato, ma con capitale pubblico. La corretta denominazione risulta pertanto la seguente: Casino Spa Socio Unico.

Altri progetti.

Teatro - Casino Sanremo

Sanremo. Da oggi, 6 novembre, è aperta la prevendita per tutti gli spettacoli della stagione teatrale del Casinò. La biglietteria è disponibile. La Stagione teatrale al Teatro dell'Opera del Casinò di Sanremo, sette sere di grande teatro:dal 27 novembre al 18 gennaio Per la stagione teatrale / il Casinò ha inserito in cartellone artisti tra i più Anteprima stagione teatrale del Casinò di Sanremo. Il Casinò Municipale è una delle quattro case da gioco italiane. Ha sede nella città di Sanremo, Il casinò fu sede del Festival della Canzone Italiana ininterrottamente dal al ; nel si spostò al Teatro Ariston. Il 19 febbraio , in seguito alla morte del commendator Pier Busseti, la concessione del casinò fu. Da oggi 6 novembre è aperta la prevendita per tutti gli spettacoli della stagione teatrale del Casinò di Sanremo. La biglietteria è disponibile. Questi i sei appuntamenti per sette sere di grande teatro: anteprima il 27 novembre con Veronica Pivetti, in:” Viktor und Viktoria”. L'apertura della Stagione. Il Casinò di Sanremo ospita un elegante teatro che ha visto nascere il Festival della canzone italiana e ospita ogni anno concerti, spettacoli, convegni, rassegne.

Toplists